Cardiologia.net
Neurologia
OncoGinecologia.net

Trattamento chirurgico versus non-chirurgico negli adulti con fratture scomposte dell'omero prossimale


La necessità di un intervento chirurgico per la maggior parte dei pazienti con fratture scomposte dell’omero prossimale non è ben definita, ma il suo uso è in aumento.
È stata valutata l'efficacia clinica del trattamento chirurgico versus non-chirurgico per adulti con fratture scomposte dell'omero prossimale che coinvolgono il collo chirurgico.

Uno studio pragmatico, multicentrico, a gruppi paralleli, randomizzato, PROFHER ( Proximal Fracture of the Humerus Evaluation by Randomization ), ha reclutato 250 pazienti di 16 anni o età superiore età ( età media, 66 anni; 192 [ 77% ] erano di sesso femminile e 249 [ 99.6% ] erano bianchi ) che si erano presentatati presso i Dipartimenti di ortopedia di 32 ospedali del Servizio sanitario nazionale ( NHS ) del Regno Unito nel periodo 2008-2011 entro 3 settimane da una frattura scomposta dell'omero prossimale con coinvolgimento del collo chirurgico.

I pazienti sono stati seguiti per 2 anni ( fino ad aprile 2013 ) e per 215 i dati di follow-up erano completi.
I dati per 231 pazienti ( 114 nel gruppo chirurgico e 117 nel gruppo non-chirurgico ) sono stati inclusi nella analisi primaria.
Sono state eseguite fissazione della frattura o sostituzione della testa omerale da chirurghi esperti in queste tecniche.
Il trattamento non-chirurgico consisteva nell’immobilizzazione a fionda.
La riabilitazione standardizzata ambulatoriale e comunitaria è stata fornita a entrambi i gruppi.

L’esito primario era il punteggio OSS ( Oxford Shoulder Score ) ( range, 0-48; punteggi più elevati indicano risultati migliori ), valutato nel corso di un periodo di 2 anni, con valutazione e raccolta di dati a 6, 12 e 24 mesi. La dimensione del campione si è basata su una differenza minima clinicamente importante di 5 punti per il punteggio OSS.
Gli esiti secondari erano Short-Form 12 ( SF-12 ), complicanze, successiva terapia e mortalità.

Non c'è stata significativa differenza media per il gruppo di trattamento nel punteggio OSS in 2 anni ( 39.07 punti per il gruppo chirurgico vs 38.32 punti per il gruppo non-chirurgico, differenza di 0.75 punti; P=0.48 ) o in singoli momenti temporali.

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi in 2 anni nella componente fisica del punteggio medio SF-12 ( gruppo chirurgico: 1.77 punti in più; P=0.18 ); punteggio della componente mentale di SF-12 medio ( gruppo chirurgico: 1.28 punti in meno; P=0.32 ); complicanze legate alla chirurgia o a frattura della spalla ( 30 pazienti nel gruppo chirurgico vs 23 pazienti del gruppo non-chirurgico; P=0.28 ), che richiedono un intervento chirurgico secondario alla spalla ( 11 pazienti in entrambi i gruppi ), e una maggiore o una nuova terapia correlata alla spalla ( 7 pazienti vs 4 pazienti, rispettivamente; P=0.58 ); mortalità ( 9 pazienti vs 5 pazienti; P=0.27 ).

10 complicazioni mediche ( 2 eventi cardiovascolari, 2 eventi respiratori, 2 eventi gastrointestinali, e altri 4 ) si sono verificate nel gruppo chirurgico durante la degenza post-operatoria.

In conclusione, tra i pazienti con fratture scomposte dell’omero prossimale che coinvolgono il collo chirurgico, non vi è stata alcuna differenza significativa tra il trattamento chirurgico rispetto al trattamento non-chirurgico in risultati clinici riferiti dai pazienti in 2 anni in seguito al verificarsi della frattura.
Questi risultati non supportano il trend di aumento della chirurgia per i pazienti con fratture scomposte dell'omero prossimale. ( Xagena2015 )

Rangan A et al, JAMA 2015; 313: 1037-1047

Orto2015 Chiru2015



Indietro