Cardiologia.net
Ematologia.net
OncoGinecologia.net

Tromboprofilassi dopo artroscopia del ginocchio e ingessatura della parte inferiore della gamba


L'uso della tromboprofilassi per prevenire il tromboembolismo venoso clinicamente apparente dopo l'artroscopia al ginocchio o l’ingessatura della parte inferiore della gamba è controverso.
È stata confrontata l'incidenza di tromboembolia venosa sintomatica dopo queste procedure tra i pazienti che hanno ricevuto terapia anticoagulante e coloro che non hanno ricevuto alcuna terapia anticoagulante.

Sono stati condotti due studi randomizzati, controllati e in aperto con valutazione in cieco dell’esito: lo studio POT-KAST, che ha incluso pazienti sottoposti ad artroscopia al ginocchio, e lo studio POT-CAST, che ha incluso pazienti trattati con ingessatura della estremità inferiore della gamba.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere una dose profilattica di Eparina a basso peso molecolare ( per gli 8 giorni dopo l'artroscopia nello studio POT-KAST o durante l’intero periodo di immobilizzazione dovuta al gesso nello studio POT-CAST ) o nessuna terapia anticoagulante.

I risultati primari erano l'incidenza cumulativa di tromboembolismo venoso sintomatico e sanguinamento maggiore entro 3 mesi dalla procedura.

Nello studio POT-KAST, 1.543 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione, di cui 1.451 sono stati inclusi nella popolazione intention-to-treat.

Il tromboembolismo venoso si è verificato in 5 dei 731 pazienti ( 0.7% ) nel gruppo di trattamento e in 3 dei 720 pazienti ( 0.4% ) nel gruppo di controllo ( rischio relativo, RR=1.6; differenza assoluta di rischio, 0.3 punti percentuali ).

Il sanguinamento maggiore si è verificato in 1 paziente ( 0.1% ) nel gruppo di trattamento e in 1 paziente ( 0.1% ) nel gruppo di controllo ( differenza assoluta di rischio, 0 punti percentuali ).

Nello studio POT-CAST, 1.519 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione, di cui 1.435 sono stati inclusi nella popolazione intention-to-treat.

Il tromboembolismo venoso si è verificato in 10 dei 719 pazienti ( 1.4% ) nel gruppo di trattamento e in 13 dei 716 pazienti ( 1.8% ) nel gruppo di controllo ( RR=0.8, differenza assoluta di rischio, -0.4 punti percentuali ).

Non si sono verificati eventi di sanguinamento maggiore.
In entrambi gli studi, l’evento avverso più comune è stata l'infezione.

I risultati degli studi hanno dimostrato che la profilassi con l'Eparina a basso peso molecolare per gli 8 giorni dopo l'artroscopia al ginocchio o durante il periodo di immobilizzazione totale dovuta al gesso non è stata efficace per la prevenzione del tromboembolismo venoso sintomatico. ( Xagena2017 )

van Adrichem RA et al, N Engl J Med 2017; 376: 515-525

Emo2017 Orto2017 Farma2017


Indietro