Chirurgia toracica
VATS Symposium
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Beta-bloccanti associati a fratture da fragilità ossea nelle donne in postmenopausa con malattia coronarica


E’ stata descritta l'associazione tra malattie cardiovascolari e osteoporosi. Un certo numero di farmaci spesso usati in pazienti con malattia coronarica, come tiazidici, statine e beta-bloccanti, hanno mostrato effetti controversi sul tessuto osseo.

E’ stato svolto uno studio con l’obiettivo di esaminare la possibile associazione tra malattia coronarica e densità della massa ossea, misurazioni quantitative ad ultrasuoni e prevalenza di fragilità e fratture vertebrali.
Inoltre lo studio ha preso in esame la possibile influenza di un certo numero di farmaci, statine, tiazidici e beta-bloccanti, sulla densità minerale ossea e il possibile presentarsi di fratture.

Lo studio caso-controllo è stato condotto su 74 donne in postmenopausa affette da breve periodo da una coronaropatia, e 111 controlli appaiati per età.

La densità minerale ossea è stata misurata con assorbimetria a raggi X a doppia energia ( DEXA ) a livello della colonna lombare e del femore prossimale. Sono anche state realizzate ultrasonografie ossee quantitative al tallone.

Le fratture vertebrali sono stati diagnosticati da radiografie laterali, toraciche e lombari. Gli episodi di fratture non vertebrali sono stati determinati attraverso un esame della documentazione medica.

Si è notato che i pazienti con malattia coronarica presentavano valori più elevati dell’indice di massa corporea.
Essi avevano una maggiore prevalenza di ipertensione arteriosa e iperlipidemia e di conseguenza un maggiore consumo di beta-bloccanti e statine, ma non di diuretici tiazidici, e presentavano un minore consumo di alcol.

I pazienti con malattia coronarica avevano più alti valori di densità della massa ossea, misurata mediante DEXA al femore prossimale, rispetto ai controlli, ma non vi erano differenze nei valori DEXA a livello della colonna lombare o di ultrasonografie quantitative ossee al calcagno tra i due gruppi.

La prevalenza di tutte le fratture da fragilità ossea è risultata leggermente più alta nei pazienti con malattia coronarica, ma non a livelli significativi.
La prevalenza di fratture vertebrali era simile nei due gruppi.

In un’analisi logistica per identificare i fattori associati a tutte le fratture, i beta-bloccanti sono risultati associati positivamente a fratture da fragilità, e DEXA a livello del collo del femore è risultata inversamente associata a fratture da fragilità ossea.

In conclusione, le donne in postmenopausa con malattia coronarica hanno valori più alti di densità minerale ossea a livello del femore prossimale, ma, nonostante questo, mostrano un leggero aumento, anche se non significativo, nella prevalenza delle fratture da fragilità. I beta-bloccanti sono indipendentemente associati alle fratture da fragilità, ma i tiazidici o statine non lo sono. ( Xagena2010 )

Sosa M et al, Aging Clin Exp Res 2010

Cardio2010 Farma2010 Chiru2010


Indietro