Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Confronto di regimi profilattici con antibiotici per via endovenosa dopo ricostruzione endoprotesica dei tumori ossei degli arti inferiori


L'uso di antibiotici perioperatori, profilattici ed endovenosi è una pratica standard per ridurre il rischio di infezione del sito chirurgico dopo resezione oncologica e ricostruzione endoprotesica complessa per tumori ossei degli arti inferiori. Tuttavia, le prove che guidano la durata del trattamento profilattico rimangono limitate.

È stato valutato l'effetto di un regime di 5 giorni di antibiotici per via endovenosa, profilattica e postoperatoria rispetto a un regime di 1 giorno sul tasso di infezioni del sito chirurgico entro 1 anno dall'intervento.

È stato condotto uno studio randomizzato sulla superiorità clinica in 48 Centri in 12 Paesi dal 2013 al 2019.
Lo studio ha incluso pazienti con un tumore osseo primario o un sarcoma dei tessuti molli che aveva invaso il femore o tibia o malattia ossea oligometastatica del femore o della tibia con sopravvivenza attesa di almeno 1 anno che ha richiesto un trattamento chirurgico mediante escissione e ricostruzione endoprotesica. Sono stati arruolati in totale 611 pazienti e 7 sono stati esclusi per ineleggibilità.

Un regime di 1 o 5 giorni di cefalosporina endovenosa profilattica postoperatoria ( Cefazolina o Cefuroxima ) ha avuto inizio entro 8 ore dalla chiusura cutanea ed è stato somministrato successivamente ogni 8 ore.
I pazienti randomizzati al regime di 1 giorno hanno ricevuto dosi di soluzione salina identiche ogni 8 ore per i restanti 4 giorni; i pazienti, gli operatori sanitari e i valutatori dei risultati non conoscevano l’allocazione del regime di trattamento.

L'esito primario in questo studio di superiorità era un'infezione del sito chirurgico ( incisionale superficiale, incisionale profonda o spazio d'organo ) classificata secondo i criteri stabiliti dal CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) entro 1 anno dall'intervento chirurgico.
Gli esiti secondari includevano complicazioni correlate agli antibiotici, operazioni aggiuntive non-pianificate, esiti oncologici e funzionali e mortalità.

Dei 604 pazienti inclusi nell'analisi finale ( età media 41.2 anni; 361 maschi, 59.8%; 114 asiatici, 18.9%, 43 neri, 7.1%, 34 ispanici, 5.6%, 15 indigeni, 2.5%, 384 bianchi, 63.8%, e 12 altri, 2.0% ), 293 sono stati randomizzati a un regime di 5 giorni e 311 a un regime di 1 giorno.

Si è verificata un'infezione del sito chirurgico in 44 pazienti ( 15.0% ) assegnati al regime di 5 giorni e in 52 pazienti ( 16.7% ) assegnati al regime di 1 giorno ( hazard ratio, HR=0.93; P=0.73 ).
Complicanze correlate agli antibiotici si sono verificate in 15 pazienti ( 5.1% ) nel regime di 5 giorni e in 5 pazienti ( 1.6% ) assegnati al regime di 1 giorno ( HR=3.24; P=0.02 ).
Altri esiti secondari non sono variati significativamente tra i gruppi di trattamento.

Questo studio clinico randomizzato non ha confermato la superiorità di un regime di 5 giorni di antibiotici per via endovenosa postoperatoria rispetto a un regime di 1 giorno nella prevenzione delle infezioni del sito chirurgico dopo l'intervento chirurgico per tumori ossei degli arti inferiori che richiedevano un'endoprotesi.

Il gruppo del regime di 5 giorni ha avuto un numero significativamente maggiore di complicanze correlate agli antibiotici. ( Xagena2022 )

The Prophylactic Antibiotic Regimens in Tumor Surgery (PARITY) Investigators, JAMA Oncol 2022; 8: 345-353

Onco2022 Inf2022 Orto2022 Farma2022


Indietro