VATS Symposium
Chirurgia toracica
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Osteosintesi mini-invasiva con placca per le fratture della porzione distale della tibia


Il trattamento delle fratture della porzione distale della tibia, utilizzando l’osteosintesi mini-invasiva con placca ( MIPO ) può ridurre al minimo il danno ai tessuti molli e l’integrità vascolare dei frammenti ossei.

Uno studio, retrospettivo, multicentrico, ha valutato l’esito in 27 pazienti ( 18 maschi e 9 femmine; età media 43 anni ) trattati con la tecnica MIPO per fratture distali della tibia.

Il periodo osservazionale medio è stato di 12 mesi.

In accordo con il sistema di classificazione AO, sono stati individuati 22 pazienti con fratture di tipo 43A, 1 con frattura 43B, 2 con fratture 43C e 2 con fratture di tipo 42A; 3 fratture erano aperte secondo la classificazione Gustilo e Anderson.

Il tempo medio alla saldatura è stato di 4 mesi.

Tutti i pazienti si sono rimessi completamente in piedi a 8 settimane.

In un caso la saldatura non si è verificata: si trattava di un forte fumatore cronico sottoposto a trapianto autologo di osso a 5 mesi, che però dopo 9 mesi dall’intervento non mostrava ancora saldatura dell’osso.

Nel gruppo frattura aperta, sono state osservate 2 saldature tardive ancora una volta in forti fumatori che hanno raggiunto la saldatura tra 7 e 8 mesi dopo l’intervento senza ulteriori complicazioni.

Le 2 infezioni superficiali verificatesi sono state trattate con successo utilizzando antibiotici orali e non è stato osservato alcun fallimento nella fissazione, nè caso di allineamento rotazionale non corretto.

In conclusione, l’osteosintesi mini-invasiva con placche rappresenta un metodo di trattamento efficace per le fratture distali della tibia.
L’utilizzo di metodiche di riduzione indiretta e piccole incisioni è tecnicamente impegnativo, ma riduce il trauma chirurgico ai tessuti molli. ( Xagena2010 )

Sukeik M et al, J Orthopaedics 2010; 7(1)e7


Chiru2010


Indietro