VATS Symposium
Chirurgia toracica
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Rischio di cancro nei primi sette anni dopo protesi di anca metallo-su-metallo


Uno studio ha determinato se l'uso di superfici portanti in metallo-su-metallo fosse associato a un aumentato rischio di diagnosi di cancro nei primi anni dopo la sostituzione totale della anca e, in particolare a un incremento della incidenza di melanoma maligno e di tumori ematologici, della prostata e del tratto renale.

Lo studio ha esaminato l'incidenza di nuove diagnosi di cancro nei pazienti con protesi di anca in metallo-su-metallo, rispetto ai pazienti con dispositivi alternativi e ha confrontato l'incidenza osservata di diagnosi nei pazienti sottoposti a sostituzione dell'anca con quella prevista dai tassi di incidenza nazionali nella popolazione generale.

Sono stati utilizzati i dati del National Joint Registry of England and Wales ( NJR ).

Lo studio ha riguardato 40.576 pazienti con protesi di anca con superfici di appoggio in metallo-su-metallo, e 248.995 con dispositivi alternativi.

Le principali misure di esito erano rappresentate dalla incidenza di tutti i tumori e dalla incidenza di melanoma maligno e di tumori della prostata, del tratto renale e tumori ematologici.

L'incidenza di nuove diagnosi di cancro è risultata bassa dopo la sostituzione dell'anca ( 1.25% a 1 anno ) e inferiore a quella prevista dalla popolazione normale abbinata per età e sesso ( 1.65% ).

Rispetto ai dispositivi alternativi, non vi è stata alcuna evidenza che le superfici portanti in metallo-su-metallo fossero associate a un aumentato rischio di eventuali diagnosi di cancro nei 7 anni dopo l'intervento chirurgico ( follow-up medio di 3 anni, 23% dei pazienti [ n=67.361 ] osservati per 5 anni o più ).

Analogamente, non vi è stato alcun aumento del rischio di melanoma maligno o di tumori ematologici, della prostata e del tratto renale.

L’incidenza aggiustata a 5 anni di tutti i tumori per gli uomini di 60 anni è stata del 4.8% con resurfacing, 6.2% con protesi in metallo-su-metallo, e 6.7% per altre superfici portanti.

I tassi corrispondenti per le donne di età pari a 60 anni sono stati inferiori: 3.1% con resurfacing, 4.0% con protesi in metallo-su-metallo e 4.4% con altri dispositivi.

In conclusione, questi dati sono rassicuranti, ma i risultati sono osservazionali con breve follow-up.
L'uso di dati da statistiche ospedaliere potrebbe sottostimare le diagnosi di cancro, e vi è la possibilità di confondimento per l’indicazione.
Inoltre, dal momento che alcuni tipi di cancro hanno un lungo periodo di latenza è importante studiare gli esiti a più lungo termine e gli effetti dell'esposizione ai metalli ortopedici. ( Xagena2012 )

Smith AJ et al, BMJ 2012; 344: e2383

Onco2012 Chiru2012



Indietro